Basta polemiche: chiediamo risposte

Chiediamo (ancora) di sapere se quello che è accaduto ad una bambina della scuola dell’infanzia, ovvero l’incidente che le ha causato lesioni per il 40% del nervo mediano, possa ripetersi.
Non ci interessano le polemiche e le strumentalizzazioni. Né tantomeno fa parte del nostro stile attaccare gli uffici: la responsabilità passa solo attraverso la politica.

Ad oggi non abbiamo ricevuto nessuna risposta ufficiale alle nostre domande. Oltre al continuo e assordante silenzio del Sindaco Chiara Calatisulla vicenda, abbiamo letto solo dichiarazioni contraddittorie da parte dell’Amministrazione magentina. Prima era stato affermato che i vetri non erano stati cambiati (si vedano le dichiarazioni rilasciate dall’Assessore Laura Catteneo a Settegiorni 1/03/19), mentre oggi la stessa fa capire che quei vetri furono cambiati durante lo spostamento estivo.

Ci stupisce, inoltre, che l’Assessore Laura Cattaneo possa sostenere che vi sia stato un utilizzo “improprio” del vetro da parte della bambina che si è ferita.
Per questo, vorremmo sapere se giocare a nascondino o correre in un salone dedicato al gioco sia un’attività da considerarsi “impropria” per una bambina di quella età.
Ci rammarica che non abbia incontrato la famiglia dopo così tanto tempo dall’incidente e soprattutto che a suo giudizio l’episodio non sia meritevole di giusti approfondimenti e attenzioni da parte della cronaca e della politica.

Ricapitolando: non si è ancora capito da parte dell’Assessore se ad oggi i vetri dove, durante un momento di gioco (strano ma i bambini giocano) , si ferì la bambina siano stati sostituti durante lo spostamento della Scuola dell’Infanzia Fornaroli.
Inoltre, non è chiaro se siano stati fatti ulteriori interventi sui vetri in quell’area dopo il bruttissimo episodio accorso alla piccola e se infine i vetri siano stati sostituiti con altri infrangibili.

#ChiediamoRisposte #PDMagenta #ATuttoCampo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *