Chiediamo un consiglio comunale aperto per Via Garibaldi

Via Garibaldi, storica porta d’accesso alla città, merita di avere la stessa dignità delle altre vie che conducono a Piazza Liberazione.

Progetto Magenta e Partito Democratico hanno deciso di lanciare un salvagente all’Amministrazione Comunale.
Le minoranze hanno infatti protocollato una richiesta di Consiglio Comunale per chiedere di non procedere con la gara d’appalto per l’inizio dei lavori di riqualificazione di Via Garibaldi.

Si tratta, a nostro giudizio, di un progetto che tante cittadine e cittadini hanno già bocciato.

La politica, con questa iniziativa, sarà chiamata a scegliere se proseguire in solitaria o prendere in considerazione le perplessità di tanti esperti, commercianti, associazioni e cittadini di Magenta.

Tutti i consiglieri comunali, infatti, potranno decidere di votare un ordine del giorno in cui si chiede di fare un passo indietro e di tornare a ragionare sulla riqualificazione di Via Garibaldi.

Chiediamo inoltre al Presidente del Consiglio Comunale, Arch. Fabrizio Ispano, di prendere in considerazione l’opportunità di convocare una seduta di consiglio aperta – come prevede l’Art. 32 del Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale.

Riqualificare Via Garibaldi è necessario, ma la proposta avanzata dall’Amministrazione Calati snatura una progettualità che fino ad oggi è stata omogenea per le vie del centro cittadino, con un investimento pubblico che, specie in questi tempi difficili, non può prescindere da un doveroso percorso di partecipazione.

Crediamo che governare la Città non sia semplice, ma allo stesso tempo richieda ascolto e la capacità di saper fare un passo indietro quando vi è la consapevolezza di stare per commettere un errore.

A tutto c’è un rimedio e con questa iniziativa le opposizioni vogliono offrire all’Amministrazione un’occasione per coinvolgere la cittadinanza e trovare la soluzione più adatta allo sviluppo della Città.
Tutti vogliamo il meglio per Magenta e il voto del Consiglio Comunale potrà dimostrarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *