Le ONG aiutano la Lombardia

La Lombardia guidata da Fontana il 5 marzo ha dato il benvenuto ai medici delle Ong.
Le stesse Ong che la Lega e il sovranismo hanno, per anni, attaccato, strumentalizzato, offeso e boicottato.
Oggi però che l’emergenza è in casa, quelle stesse Ong sono accolte a braccia aperte.
Che cosa ci insegna questa vicenda?
Che aiutare il prossimo, salvare chi è in difficoltà, non può e non deve essere considerato un crimine.
Perché quelli che ieri aiutavano altri in mare, oggi aiutano noi sulla terra.
E lo fanno nella stessa identica maniera.
Di più: lo fanno senza riserve, nonostante gli insulti e le umiliazioni ricevute. Anche se a chiederlo è stato chi, per mesi, ha fatto becera propaganda e infondato inutili paure.
L’Italia è un grande Paese che ha bisogno di unità, non di imprenditori dell’odio. Non dimentichiamolo mai. Perché le battaglie si vincono uniti, schierati dalla parte dell’umanità.
Insieme, ce la faremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *