C’è chi cerca il dialogo e chi insegue le destre

Nel nostro agire abbiamo un’unica certezza: impegnarci per il bene della comunità.
Più dei tatticismi e dei personalismi, cose che hanno poco a che fare con il bene comune, preferiamo dedicarci a progetti e idee per la nostra Città.

Veti e divisioni a priori sul confronto tra le forze responsabili di Magenta, come quelli imposti oggi da Minardi con le sue parole, molto probabilmente avranno una ricaduta negativa: quella di mantenere alla guida della Città la stessa destra incapace che ci governa e che Progetto Magenta ha sempre affermato di voler mandare all’opposizione.

Oggi Progetto Magenta chiude la porta al dialogo col PD Magenta e ammicca alle forze di destra a trazione leghista e conservatrice.
Sono parole che lasciano stupiti, soprattutto per il lavoro condiviso in questi anni di battaglie in Consiglio Comunale, come dimostrano le nostre 60 interrogazioni e mozioni presentate dal 2017 ad oggi (e spesso sostenute anche da Progetto Magenta).
Noi, nonostante le voglie di personalismi che non ci appartengono, continueremo a cercare il confronto.
Come sempre, guardiamo a quel che ci unisce e non a quello che ci divide.

Progetto Magenta però su una cosa ha ragione: è venuto il momento di mettere da parte gli steccati politici e costruire una progettualità capace di far uscire la Città dal pantano in cui la giunta Calati l’ha fatta sprofondare. Il nostro impegno a tutto campo continua insieme alle cittadine e ai cittadini che vogliono una Magenta inclusiva, sostenibile e attenta ai bisogni di famiglie, lavoratori e imprese.

Le parole di Minardi lo confermano: l’unica alternativa coerente all’immobilismo del centrodestra è il PD Magenta.

L'immagine può contenere: 17 persone, persone in piedi, il seguente testo "PR Part Demo PD Partito Democratico Democ MAGENTA C'È CHI CERCA IL DIALOGO E CHI INSEGUE LE DESTRE."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *