Vaccinazioni a Magenta

La campagna vaccinale – nonostante diverse difficoltà – continua e presto sarà allargata a maggiori fasce di popolazione e di conseguenza sarà necessario predisporre maggiori spazi per favorire il suo svolgimento in Città e nel territorio.
Abbiamo presentato un’interrogazione proprio per chiedere all’Amministrazione Calati a che punto sia la campagna vaccinale a Magenta e se nel nostro Comune, in accordo con Regione Lombardia e ATS, saranno attivati altri punti oltre a quello presente presso l’Ospedale Fornaroli. Pensiamo al Centro Anziani (già attivato per le vaccinazioni antinfluenzali), o alle palestre, o all’eventualità di luoghi all’aperto come la Tensostruttura di Piazza Mercato. Gli spazi, come testimonia la vicina Abbiategrasso, si possono trovare e sappiamo anche che è importante arrivare pronti alla fase “di massa” della campagna vaccinale per uscire il prima possibile da questa situazione.
Ne ha parlato ai microfoni di TelePAVIA la nostra Consigliera Comunale Elisabetta Mengoni.

Una situazione preoccupante che non può essere più ignorata

Panchine rotte e arredo cittadino distrutto, spaccate nei negozi ed episodi sempre più frequenti di disagio sociale da parte dei più giovani.
Uno scenario che si ripete nella città guidata dall’Amministrazione che in campagna elettorale promise addirittura l’arrivo dei militari per il presidio del territorio (sebbene probabilmente non avrebbero cambiato la situazione).
Inutile ricordare che dei militari dopo 4 anni di governo cittadino, non si vede neppure l’ombra, mentre episodi come quelli descritti continuano a ripetersi.
Al di là dei proclami del ViceSindaco, infatti, sul fronte sicurezza non è stato fatto nessun passo avanti concreto.
Una situazione preoccupante, che non può più essere ignorata. Perché la sicurezza non sono solo telecamere (quando funzionano), ma fare comunità. Dobbiamo affrontare il disagio dei più giovani e contrastare il degrado che alimenta situazioni pericolose. Non serve la divisa mimetica, serve migliorare la vivibilità della nostra città e ottimizzare la rete di controlli per il presidio del territorio.
Ne abbiamo parlato su Settegiorni 📰
Potrebbe essere un'immagine raffigurante attività all'aperto e il seguente testo "PD] 2 PDemc Panchine rotte e arredo cittadino distrutto, spaccate nei negozi ed episodi sempre più frequenti di disagio sociale da parte dei più giovani. «Una situazione preoccupante che non può più essere ignorata» settegiorni bbintegrasso"

Prima la salute, non i legami politici

In questi mesi il Sindaco Calati ha annullato la centralità di Magenta nel nostro territorio, ha rinunciato a giocare un ruolo fondamentale per la sanità cittadina. Infatti, ha commentato il nostro Capogruppo Enzo Salvaggio su La Voce dei Navigli, “laddove i sindaci hanno voluto essere in prima linea e farsi sentire, lo hanno fatto. Il Sindaco Calati invece si è trincerata dietro il fatto che la sanità non dipendesse direttamente da lei, ma in realtà non ha mai voluto chiedere conto a Regione per motivi di appartenenza politica”.
Non basta inseguire i problemi, chiediamo al Sindaco di prevenirli e soprattutto di impegnarsi per realizzare i progetti in cantiere per il 2021. Intanto le aree Ex Saffa ed Ex Novaceta sono ancora lì, immobili, ed è necessario predisporre un piano per rispondere ai bisogni presenti e futuri di chi a causa dell’emergenza è in difficoltà economica e abitativa.
Sono tante le sfide e Magenta è una città importante nel nostro territorio. I cittadini hanno bisogno di un’Amministrazione capace di assumersi le proprie responsabilità per garantire la salute e rilanciare la Città. Ora.

Stramagenta: forse meglio rimandare

Nei giorni scorsi abbiamo sollevato alcune perplessità sullo svolgimento della corsa magentina inaugurata nel 2014. Infatti, sebbene destinata solo ad iscritti FIDAL, crediamo sia inopportuno lo svolgimento di una grande manifestazione in un momento così difficile come quello che stiamo attraversando.
Sebbene gli organizzatori abbiano raccolto le adesioni, anche l’Amministrazione Comunale non è ancora sicura dello svolgimento. Insomma, attendiamo, ma crediamo sia importante evitare rischi per la salute in questo periodo e, se sarà possibile, permettere anche alla Città di poter partecipare e seguire l’evento.
Ne hanno parlato su Settegiorni Enzo Salvaggio Paolo Razzano.
L'immagine può contenere: una o più persone, il seguente testo "PD] D L'annuncio del via libera alle iscrizioni scatena polemica: ritiene sia poco opportuno far svolgere kermesse, anche se consentita Questa Stramagenta (non) s'ha da fare La minoranza suggerisce di rinviare l'ottava edizione a un momento più propizio settegiorni bAbbintegrasso"

In comune sono scoperte 20 posizioni lavorative

Il 2021 sarà un anno decisivo e sarà importante “mettere a terra” tutti i progetti e le iniziative necessarie per sostenere la ripartenza della nostra comunità.
Ma il Comune sarà in grado di farlo? Riuscirà a gestire i finanziamenti e i bandi previsti nel 2021? Non si tratta solo di volontà politica, ma di capacità concreta di realizzare i programmi previsti.
Come evidenziato dal nostro Capogruppo

Vincenzo Salvaggio detto Enzo

su Settegiorni, l’Amministrazione Calati non ha affrontato un tema importantissimo: la mancanza di personale. Oggi, infatti, sono vuote oltre 20 posizioni lavorative nel nostro Comune. Può sembrare un dettaglio, ma senza personale e competenze tecniche sarà difficile attuare qualsiasi progetto.

Abbiamo depositato un’interrogazione per fare chiarezza su questa situazione e chiedere alla Giunta come – e quando – risolveranno il problema.
La delega al personale è in mano all’Assessore Simone Tisi, in prima linea quando si tratta di “trumpate”, totalmente assente quando bisogna fare l’interesse della Città.
L'immagine può contenere: testo e spazio all'aperto