Si è conclusa la prima edizione della Festa de l’Unità dell’Est Ticino

Si conclude a Magenta la prima edizione della #FestaUEstTicino!

Due settimane di dibattiti, musica, balli e divertimento in tutto il nostro territorio.

Grazie a tutti coloro che sono passati e grazie mille ai nostri volontari! Complimenti #maglietterosse!

Ci vediamo l’anno prossimo!

previous arrow
next arrow
ArrowArrow
Slider

The end

Dopo aver fatto appassire le camelie di Via Roma, il Sindaco Calati taglia come rami secchi i rapporti con chi le ha garantito di diventare maggioranza a Magenta solo due anni fa.

L’ Amministrazione a trazione leghista fa fuori l’Assessore del centro moderato che rappresenta Luca Del Gobbo in giunta e libera un posto per nomine amiche, il tutto in una città sempre più ferma e lasciata a se stessa.

Aspettando di vedere il nuovo ingresso che attraverserà la “porta verde” magentina, esprimiamo stima e rispetto per l’operato svolto dall’ex Assessore Rocco Morabito.

Dopo due anni (e due assessori persi per strada) risulta evidente che la visione del Sindaco non sia affatto Chiara.
A pagare il conto i magentini e il futuro nebuloso della Città.
Una Città che merita di più, che merita un’alternativa.

Calati scaricata

Era cosa nota, ma solo dopo tanti mesi di voci e indiscrezioni si è finalmente chiarita la separazione sostanziale tra il Sindaco Calati e il suo (ex) partito NOI con l’ITALIA – Magenta.

Si tratta di un duro colpo per il sindaco, che viene scaricata da chi per primo la guidò alla vittoria del 2017: LUCA DEL GOBBO.
Del Gobbo in conferenza stampa riconosce i limiti e l’immobilismo dell’attuale maggioranza e per tutelare sé stesso se ne discosta volentieri.

Mentre si consumano lotte interne al palazzo e ai partiti di governo, Magenta resta ferma e bloccata. Senza una direzione e idee sul futuro, l’unica “Porta verde” che il Sindaco si appresta ad attraversare è quella della sezione della Lega Nord, sempre più perno della maggioranza.

Sempre più isolata, Chiara Calati naviga a vista e probabilmente si appresta a realizzare un rimpasto per sostituire le componenti troppo fedeli all’ex Sindaco Luca Del Gobbo.

Insomma, ci attende una bella estate di rovente gossip politico.
Ma tutto ciò, ai magentini, interessa davvero? Magenta è ostaggio dei giochi di potere e del “nullismo” del centrodestra?

Per noi, e per tanti cittadini, Magenta merita di meglio.
Magenta merita di più.
Magenta merita un’alternativa capace di dialogare e di portare avanti gli interessi della Città.

#PDMagenta #ATuttoCampo

Il sindaco di Magenta dice di no al Pride

Troviamo offensive le parole con le quali il Sindaco di Magenta Chiara Calati ha detto NO al patrocinio alla Milano Pride.

Sergio Prato Presidente delLe Rose di Gertrude Magenta ci ha insegnato che le “Differenze vanno celebrate e non tollerate”. Il suo è un lavoro encomiabile per i diritti sul nostro territorio e sarebbe stato valorizzato al meglio con la concessione del Patrocinio della nostra Città!

Le parole di Stuart Milk, appena citate, sono importanti oggi come ieri per far sentire che il nostro Sindaco sia il Sindaco di tutti i cittadini.

Pomeriggio saremo presenti alla parata per dire che Magenta non esclude nessuno.

Aspettiamo inoltre che il regolamento delle Unioni Civili venga inserito nella pagina dedicata del nuovo sito del comune.

Striscione della Festa de l’Unità Est Ticino vandalizzato

Siamo increduli, non riusciamo a trovare le ragioni per le quali si possa arrivare a compiere un gesto simile, ne le parole per commentarlo.
Vandalizzare, in piena notte gli striscioni della Festa de l’Unità Est Ticino è gesto da vigliacchi.

Ogni anno prepariamo come comunità politica questa festa con momenti di approfondimento, buona musica e politica.
Oggi ci sentiamo vittime di un clima di intolleranza diffuso, perché che sia stata una bravata o un modo per intimorirci poco importa: quello che è accaduto questa notte è un brutto segno per il vivere coeso nella nostra città.
Abbiamo chiaramente denunciato alle forze dell’ordine quanto avvenuto e al tempo stesso vi invitiamo tutti a venirci a trovare in questi caldi giorni estivi per divertirci e discutere assieme.
Il Partito Democratico è presente a Magenta e nel territorio dell’Est Ticino con tante donne e uomini di buona volontà che di fronte a tanta stupidità reagiscono con maggior impegno e dedizione.