Poltrona nuova per la Calati

L’unica “Porta Verde” che il Sindaco Calati vedrà, alla fine, sarà quella della sezione magentina della Lega Nord.

Anzi, nemmeno quella a quanto pare.

L’adesione del Sindaco alla lista civica leghista “Lombardia Ideale” di Fontana evidenzia la solitudine di un Sindaco che è stato sfiduciato dai suoi ex amici (Del Gobbo in primis) ma nemmeno ben voluta dai suoi nuovi amici (i leghisti), che hanno preferito evitare di averla direttamente dentro il proprio partito.

Insomma, Calati viaggia in solitaria e nel valzer dei colori delle poltrone, a perderci, ancora una volta, è Magenta.

#ATuttoCampo #PDMagenta

Calati pronta alla guerra

Il Sindaco, dopo l’ennesima sfiducia pubblica ricevuta dal Consigliere Regionale Luca Del Gobbo e da NOI con l’ITALIA – Magenta, si prepara alla guerra.
Apprendiamo da Settegiorni l’ultimatum calatiano contro i suoi ex compagni di partito, evidenziando le difficoltà di un Sindaco ormai solo che ha dimenticato i problemi reali della Città.

Dinanzi ai disagi delle scuole magentine, al degrado urbano e alla mancanza di proposte per il rilancio di Magenta, il centrodestra preferisce battagliare per la poltrona di Assessore alla Famiglia che ormai manca da quasi quattro mesi.

Il Sindaco, oltre alla guerra verso i suoi ex amici, continua a perdersi nelle proprie suggestioni.
“Porte verdi” non se ne vedono; le grandi aree dismesse come Novaceta e Saffa restano abbandonate e l’unico progetto annunciato per quest’anno (la riqualificazione di Via Garibaldi) è fermo al palo.

Forse per Calati occuparsi di Magenta non sarà #glamour, però è il dovere che spetta ad un Sindaco
La nostra Città ha bisogno di un’Amministrazione capace di confrontarsi con le necessità e i bisogni dei cittadini, non di guerre interne alla maggioranza. Magenta ha già fatto la propria “Battaglia”, serve governare.

#ATuttoCampo #PDMagenta

Tavolo Calati: chi l’ha visto?

Tempo fa abbiamo chiesto al Sindaco di rendere conto del lavoro del “Tavolo per la competitività” istituito dall’Amministrazione oltre un anno fa.
Tale tavolo avrebbe dovuto “sconvolgere” la vita magentina e rilanciare l’attrattività della nostra Città, ma da mesi non si sa più nulla.

Avrebbero dovuto rispondere alla nostra interrogazione già da qualche settimana, eppure non abbiamo più avuto notizie.

Il termine di 30 giorni per rispondere è passato e quindi chiediamo aiuto a tutta la cittadinanza: avete visto il tavolo del Sindaco? Se avete notizie contattate il Comune di Magenta!

L’Amministrazione ha il dovere di dare spiegazioni alle interrogazioni dell’opposizione, non può far finta di niente.

#TavoloCalati #ATuttoCampo #PDMagenta

Calati: tra suggestioni e contraddizioni

Dopo oltre un anno e mezzo qualcosa si muove. Forse. Scopriamo con piacere che per la prima volta il Sindaco ha avanzato un’idea di Città. Si tratta ancora di #suggestioni, come ha affermato il primo cittadino ai giornali, ma pare almeno essere qualcosa di più del solito immobilismo.

Auspichiamo che la variante generale sia portata avanti attraverso il #confronto con i cittadini, le associazioni, i comitati e le minoranze presenti in Consiglio Comunale. Ad oggi possiamo solo prendere atto del fatto che il Sindaco non si è mai confrontato su questi temi con la Città e che troppo spesso ha innescato liti con i Sindaci delle città a noi vicine. Il futuro del territorio è un tema delicato che necessita dell’incontro e del dialogo tra istituzioni e mondi vitali.

Proprio nella scelta di avviare la variante generale urbanistica dobbiamo rilevare però una #contraddizione. Per mesi l’Amministrazione ha ripetuto a giornali, opposizione e soprattutto alle comunità religiose di Magenta che non c’erano fondi per realizzare una variante e quindi il famigerato “piano delle attrezzature religiose”. Ovvero quel piano che permetterebbe di mettere a disposizione delle realtà credenti magentine un nuovo luogo di #culto.

Insomma, i soldi ci sono, quindi cosa farà l’Amministrazione? Quale #scusa userà adesso per non mettere a disposizione dei credenti un luogo richiesto dalle comunità stesse e già previsto nel PGT?

Speriamo davvero che le suggestioni non rimangano tali, come sembra per esempio il tavolo delle competitività. Altrimenti l’unica #PortaVerdeche il Sindaco Calati potrà mai attraversare sarà quella della Lega Nord Sezione Magenta. Non sfugge infatti che la posizione dell’Amministrazione sia sempre più a destra e vicina al leghismo. Di conseguenza non ci stupirebbe un cambio di partito che ormai sembra inevitabile.

#Urbanistica #VarianteGenerale #PDMagenta #ATuttoCampo