Oltre via Garibaldi: quali conseguenze per Piazza Parmigiani e la viabilità?

Un progetto di riqualificazione come quello di Via Garibaldi attraversa diverse fasi di progettazione, dallo studio di fattibilità al progetto esecutivo.
Il Sindaco Chiara Calati ha cambiato il progetto approvato nel 2017 e ha inserito modifiche che hanno richiesto un ulteriore parere della sovrintendenza.
Chiediamo all’Amministrazione se in tutto questo percorso sono state risolte le criticità che i diversi stadi di progettazione mettevano in evidenza, fra questi il nodo fra Via Santa Crescienzia e la stessa Via Garibaldi.
Inoltre, il Piano Urbano del Traffico del 2016 suggeriva la necessità di creare un senso unico in direzione di Piazza Parmigiani, l’Amministrazione manterrà questa previsione?
Infine, si è svolta la conferenza di servizi che diceva valutare tutti gli aspetti collegati ai sottoservizi?
Il testo integrale della nostra interrogazione QUI.
L'immagine può contenere: il seguente testo "PD artitoDemocratie Oltre Via Garibaldi: quali conseguenze per Piazza Parmigiani e la viabilità?"

Via Garibaldi: amministrazione in ritardo su gara e lavori

Nelle prossime settimane inizieranno i lavori per il rifacimento in asfalto rosso di Via Garibaldi. Un progetto al ribasso che poteva partire prima e sfruttare il periodo di lockdown per creare il minor disagio possibile ai commercianti che hanno appena riaperto.
Durante i 4 mesi di cantiere, cambierà la viabilità? Si prevedono tanti imprevisti?
👇 Il commento per Settegiorni del nostro Capogruppo Enzo Salvaggio

Bisogna far ripartire i lavori

A Magenta ci sono opere necessarie come la pista ciclabile per Corbetta e il rifacimento di Via Garibaldi che sono ancora bloccate.
Bisogna far ripartire i lavori per rilanciare la Città e non perdere i fondi a disposizione.
Il commento del nostro Capogruppo Vincenzo Salvaggio per Settegiorni 👇

Chiediamo un consiglio comunale aperto per Via Garibaldi

Via Garibaldi, storica porta d’accesso alla città, merita di avere la stessa dignità delle altre vie che conducono a Piazza Liberazione.

Progetto Magenta e Partito Democratico hanno deciso di lanciare un salvagente all’Amministrazione Comunale.
Le minoranze hanno infatti protocollato una richiesta di Consiglio Comunale per chiedere di non procedere con la gara d’appalto per l’inizio dei lavori di riqualificazione di Via Garibaldi.

Si tratta, a nostro giudizio, di un progetto che tante cittadine e cittadini hanno già bocciato.

La politica, con questa iniziativa, sarà chiamata a scegliere se proseguire in solitaria o prendere in considerazione le perplessità di tanti esperti, commercianti, associazioni e cittadini di Magenta.

Tutti i consiglieri comunali, infatti, potranno decidere di votare un ordine del giorno in cui si chiede di fare un passo indietro e di tornare a ragionare sulla riqualificazione di Via Garibaldi.

Chiediamo inoltre al Presidente del Consiglio Comunale, Arch. Fabrizio Ispano, di prendere in considerazione l’opportunità di convocare una seduta di consiglio aperta – come prevede l’Art. 32 del Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale.

Riqualificare Via Garibaldi è necessario, ma la proposta avanzata dall’Amministrazione Calati snatura una progettualità che fino ad oggi è stata omogenea per le vie del centro cittadino, con un investimento pubblico che, specie in questi tempi difficili, non può prescindere da un doveroso percorso di partecipazione.

Crediamo che governare la Città non sia semplice, ma allo stesso tempo richieda ascolto e la capacità di saper fare un passo indietro quando vi è la consapevolezza di stare per commettere un errore.

A tutto c’è un rimedio e con questa iniziativa le opposizioni vogliono offrire all’Amministrazione un’occasione per coinvolgere la cittadinanza e trovare la soluzione più adatta allo sviluppo della Città.
Tutti vogliamo il meglio per Magenta e il voto del Consiglio Comunale potrà dimostrarlo.

Via Garibaldi: no ad un progetto al ribasso

Il progetto per il rifacimento di Via Garibaldi in asfalto rosso è un progetto al ribasso.
È un progetto che cambia il disegno unitario del centro storico senza alcuna logica.

Oggi scopriamo con stupore che è stata bandita la gara d’appalto.
Viene quindi ignorata completamente anche la voce autorevole dell’Ing. Viglio, che fa parte di coloro che hanno contribuito alla vittoria di Chiara Calati.

Nel 2017 avevamo lasciato all’Amministrazione Calati un progetto già pronto e coerente con la storia e l’importanza della Via Garibaldi. Avevamo previsto il porfido e continueremo a chiedere di tornare su quel progetto e di abbandare l’attuale “scelta al risparmio” che penalizza la città e incontra pareri molto negativi da parte di tecnici, commercianti e cittadini.

Abbiamo anche dubbi sul fatto che non si sia inviato alla sovrintendenza quanto modificato nel progetto esecutivo senza che la stessa venisse interessata.

Magenta merita di più.
No ad un progetto al ribasso.

#ATuttoCampo #PDMagenta